Category Archives: Democrazia

Eccellenze italiane accompagneranno Renzi alla Casa Bianca

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà accompagnato da una delegazione molto particolare alla cena di martedì sera alla Casa Bianca con Barack Obama e la first lady Michellesindaco-lampedusa Oltre alla moglie Agnese Landini, alla cena di Stato che seguirà una visita ufficiale, i premi Oscar Roberto Benigni e Paolo Sorrentino e quattro donne ‘simbolo dell’eccellenza italiana’ : la campionessa paralimpica Bebe Vio, la direttrice del Cern Fabiola Gianotti, la sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini, la curatrice del dipartimento di Architettura e Design del Moma Paola Antonelli.
“E’ un riconoscimento all’impegno delle donne nei vari aspetti della vita – dice il sindaco di Lampedusa – E’ un grande regalo e avviene in un momento in cui la violenza sulle donne dilaga, un momento di grande emarginazione e difficoltà a raggiungere l’effettiva pari opportunità.”

“Oneri e Onori”, Franco Ingrillì ufficializza la sua candidatura

Capo d’Orlando – “Scendo in campo con il mio nome, la mia storia personale, con la mia esperienza ed i risultati del mio lavoro, nella convinzione di poter essere in grado di guidare questo Paese”. Con una nota, l’imprenditore Franco Ingrillì ufficializza la sua candidatura a sindaco per le prossime comunali di primavera!Franco Ingrilli

Dopo una lunga e sofferta riflessione, dopo aver per mesi ascoltato le persone a me più vicine e tutti coloro con cui opero quotidianamente, ho deciso di proporre la mia persona al servizio del Nostro Paese. In un momento delicato qual è quello che stanno attraversando i nostri comuni, con le difficoltà che stanno affrontando le famiglie e la comunità tutta, dopo una figura forte come quella di Enzo Sindoni, il senso di responsabilità che provo è estremamente grande. Sono profondamente figlio di questo Paese. Qui sono cresciuto, qui ho formato la mia famiglia, qui ho scelto di lavorare e qui sono tornati i miei figli.
Amo Capo d’Orlando e ne vado fiero, ho partecipato alla sua vita e alla sua crescita. Intendo continuare a farlo in prima persona insieme a tutti Voi. La convinzione degli amici più cari e della mia famiglia, la spinta di coloro che individuano in me spiccate caratteristiche di equilibrio, conoscenza ed esperienza, mi inducono oggi a sciogliere in senso positivo qualsivoglia riserva o dubbio.
E’ dunque con molta umiltà e con immenso Orgoglio Orlandino che oggi comunico a tutti i cittadini la disponibilità a mettermi al servizio della nostra comunità quale candidato Sindaco di Capo d’Orlando, quale guida e punto di riferimento dal 2016 per i cinque anni successivi. Scendo in campo con il mio nome, la mia storia personale, con la mia esperienza ed i risultati del mio lavoro, nella convinzione di poter essere in grado di guidare questo Paese. Sarebbe certo un grande onere assumere questa responsabilità, ma sono fiducioso che con il supporto e la forza delle donne e degli uomini che, condividendo i medesimi valori ed obiettivi, vorranno unirsi a me in questa meravigliosa avventura, sarà, nel contempo, un grande onore poter contribuire alla continua crescita della nostra Capo d’Orlando.
Franco Ingrillì

Ventisei anni fa cadeva il Muro di Berlino: 4 giornalisti fanno la storia

Il 9 nomebre del 1989, durante una conferenza stampa al portavoce del governo della Germani dell’Est, Günter Schabowski, 4 giornalisti posero delle domande cruciali per l’imminente evento che avrebbe riunificato una nazione. berlino

Il primo fu l’italiano Riccardo Ehrman, che aveva fatto la prima domanda a Schabowski. Il corrispondente dell’ANSA, Ehrman, gli chiese se il governo non fosse pentito per una serie di restrizioni ai viaggi verso alcuni paesi comunisti che poco tempo prima il governo aveva imposto. Schabowski rispose che no, il governo non era pentito. Poi, leggendo confusamente tra le sue carte, aggiunse: «Ah…oggi abbiamo deciso su un nuovo regolamento che rende possibile per ogni cittadino della Repubblica Democratica Tedesca di…uscire attraverso i posti di confine…della…Repubblica Democratica Tedesca».

Il secondo fu Peter Brinkmann, un giornalista del quotidiano tedesco Bild, che per i minuti successivi continuò a gridare domande a Schabowski, contribuendo a tenerlo sotto pressione.

Il terzo fu Krzysztof Janowski di Voice of America, il network radiotelevisivo pubblico americano. Janowski fece una domanda che si sarebbe rivelata fondamentale, chiese a Schabowski se le nuove regole che rendevano possibili i viaggi tra est ed ovest si applicassero anche a Berlino. Dovette ripeterla un paio di volte prima che Schabowski rispondesse di sì.

Il più importante dei quattro giornalisti, però, fu un uomo di cui fino a pochi anni fa non si conosceva nemmeno l’identità: si tratterebbe di un ex giornalista e ora uomo d’affari di nome Ralph T. Niemeyer, che all’epoca aveva vent’anni. Niemeyer fece a Schabowski una domanda fondamentale: «Da quando queste nuove misure avranno effetto?». Schabowski, sempre più confuso, tornò a leggere di nuovo le sue carte e rispose: «Che io sappia…dovrebbero…dovrebbero avere effetto immediatamente. Da ora». Quelle parole divennero i titoli dei telegiornali della sera in tutta la Germania occidentale. In breve la notizia si diffuse anche a Est. Entro sera una folla gigantesca si era radunata silenziosa e timorosa davanti ai checkpoint del muro di Berlino.

Democrazia è… confronto tra maggioranza e opposizione

votare

Capo d’Orlando – All’indomani dell’ultimo consiglio comunale erano tante le considerazioni-riflessioni fatte dai cittadini, gli stessi che tra una decina di mesi saranno chiamati a scegliere chi dovrà amministrarli. Senza entrare nel merito della faccenda e solo adesso che i consiglieri di minoranza hanno espresso le loro ragioni, è lecito, credo, cercare di capire.

La democrazia è basata sull’elezione diretta dei propri rappresentanti da parte dei cittadini; è basata sul fatto che ci siano dei partiti che governano e delle forze di opposizione che controllano tale operato attraverso lo strumento del voto, a favore o contrario, oppure attraverso l’astensione. Diciamo che la democrazia è basata sul confronto e sul coraggio di metterci la faccia. Qui di seguito il comunicato dei partiti di minoranza, che motivano la loro assenza dall’aula nel corso dell’ultimo consiglio comunale. Non riesco a non pensare che se avessero veramente creduto nella necessità di non vendere la struttura in questione, avrebbero dovuto esprimere un netto “No”. Se ci saranno o meno 200 posti di lavoro non cambierà questa brutta pagina nella democrazia del nostro Paese. Fin tanto che ognuno non svolgerà il proprio ruolo, i cittadini non saranno bene amministrati e tutelati. Chi è all’opposizione ha l’obbligo civile di opporsi, così come chi amministra ha l’onere di decidere.

Read more… →