Category Archives: Pensieri Sparsi

Donne coraggiose di Sicilia

Su http://www.nuovitalia.com/sito/ sarà pubblicato il mio articolo sullo spettacolo “Di mafia si muore sempre due volte”. Qui le foto. Invito chi volesse prendere le foto di citarne la fonte. Grazie.

In foto Rosetta Casella, Rita Spartà e Marina Romeo. Sotto Tano Grasso e Rita Spartà.

IMG_20140727_204229614

Tra gli ospiti della serata, Tano Grasso e Rita Spartà. Rita oggi è un’infermiera, ventuno anni fa era la figlia di un imprenditore agricolo. Le ammazzarono il padre e i due fratelli. Rita e la sorella Daniela rimasero da sole con la madre ad affrontare una vita stravolta degli eventi. Eppure ce l’hanno fatta con l’aiuto dell’Acio, di Tano Grasso e Rosetta Casella. Rita è disponibile a rilasciare un’intervista, ma è difficile farle delle domande dirette perchè sembra quasi violare la parte più intima del suo animo, quella che ha costruito per ripararsi dalla sofferenza che l’assale ogni volta che è costretta a ricordare. Rita però, racconta.Ha gli occhi immobili, non inespressivi perchè vi si legge tristezza e nostalgia, ma sono occhi disillusi. Hanno lottato tanto le “donne Spartà” – così sono chiamate le tre donne – dopo l’assassinio degli uomini della loro famiglia. Alla caparbietà ed ostinazione per ottenere giustizia, adesso rispondono con misurata soddisfazione perchè, come dice Rita, vogliono revisionare il processo. Rita non si è sposata e vive con la madre. Ama il suo lavoro e lascia che sia io ad interpretare i suoi silenzi. Sorride lievemente solo quando le si avvicina Tano Grasso. Mi dice che senza l’associazione anti-racket non avrebbero trovato la forza di andare avanti.

Tano l’abbraccia e io scatto loro una foto.

IMG_20140727_211431481

 

Bellissimo articolo di Massimo Gramellini su “Yara e le altre vittime”

I sopravvissuti non perdano mai la fiducia. Gli angeli spuntano dove meno te lo aspetti.
di MASSIMO GRAMELLINI da “La Stampa” di oggi.

gramellini
Il presunto assassino di Yara, incastrato dal Dna, scopre di non essere figlio di suo padre, ma di un uomo defunto di cui porta il secondo nome.

Un padre scopre che suo figlio è accusato di omicidio e che non è suo figlio.

Una sorella scopre che suo fratello gemello è accusato di omicidio e che neppure lei è figlia di suo padre.

Un fratello scopre che i suoi fratelli gemelli sono fratellastri e che uno di loro potrebbe essere un assassino.

Una moglie scopre che suo marito è accusato di omicidio, che suo suocero non è il padre di suo marito né il nonno dei suoi figli e che la storia di Yara che per anni ha visto alla TV le è appena entrata in casa seminando distruzione.

Una mamma aveva scoperto da tempo che suo figlio era ricercato come presunto assassino, ma era rimasta in silenzio per non scoprirlo e non farsi scoprire: quel figlio lo aveva avuto da un uomo che non era suo marito.
Una vedova scopre che suo marito aveva avuto un figlio illegittimo, ora accusato di assassinio.

Read more… →

Da Roncalli a Bergoglio, passando per Wojtyla

Profonda commozione in tutto il mondo cristiano per la canonizzazione di Papa Roncalli e Papa Wojtyla. L’umanità può ancora continuare a sperare in un futuro migliore dove non tutto è guerra e brutalità, cattiveria e peccato.

Mia riflessione su: http://www.nuovitalia.com/sito/component/content/article/2-primo-piano/5117-la-santificazione-dei-due-papi-grazie-bergoglio.html

papi santi

Rosso e grigio

Sono tulipani rossi su nastri grigi e chi li osserva stabilisce quale sia il colore prevalente. Perchè sono gli occhi che guardano che vedono, le orecchie che ascoltano che sentono; la realtà di ciò che appare non è assoluta, ma subordinata all’animo rosso e grigioche la vive. Si potrebbe osservare solo il fondo nero… l’osservazione è soggettiva.

Read more… →

… ripensandoci

Ripensandoci sembra ieri, il giorno in cui iniziai un percorso nuovo. All’inizio appariva come un viottolo e poi si aprì e diventò una strada.

Gli anni trascorsi, ora, appaiono vortici in cui ogni attimo è stato inghiottito. Ma i ricordi, quelli no. Sono lì, intatti, nitidi, testimoni delle salite, delle soste, dei momenti lieti e di quelli più difficili.

Ripensandoci vedo volti allontanarsi perchè lasciati andare. A costoro dedico questa foto, scattatami dal giornalista e amico Massimo Scaffidi. Non so come abbia fatto a fermare questo attimo che mi ritrae pensierosa. Ricordo ancora la circostanza. Ero immersa in qualcosa di immensamente triste e lacerante: al dolore di una madre per la perdita del figlio.

Ripensandoci rifarei tutto da capo, se mi ha portato ad essere la donna che sono. Grazie amici.

linda_liotta_sindoni_a_brolo

Primi giorni di Primavera

I primi giorni di Primavera non sono ancora Primavera. E’ solo la prosecuzione dell’inverno.

Giorni appesantiti di freddo e pensieri.Image_035

Giorni di passaggio, intermezzi, parentesi che presto lasceranno il posto al tepore della stagione dei fiori e degli amori.

Giorni carichi di promesse. Giorni d’attesa. Giorni in cui senti tutta la stanchezza dell’inverno e aneli al sole estivo che scalda e protegge.

Buona Primavera amici. 

Nulla è più reale della forza dei sogni

Nel corso di una vita pochi sono i momenti in cui si ha la sensazione di avercela fatta; che tutto sia avvenuto esattamente come avreste voluto che fosse. Così come pochi sono i momenti indelebili nella memoria per la gioia mozzafiato che ci hanno dato: la nascita dei figli ed il raggiungimento dei propri obiettivi, la concretizzazione dei progetti prefissi. Alcuni li chiamano sogni. Ma sarebbe errato il termine. Quando si è lavorato tanto nel perseguire un obiettivo reale, tangibile, duraturo… i sogni non c’entrano.

E’ tutto frutto di fatica, caparbietà, passione, abnegazione e grande forza interiore. tulipaniDevo ringraziare le persone che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, senza le quali, la mia sola determinazione non sarebbe stata sufficiente. Le cose accadono quando più persone credono nella medesima cosa, e soprattutto, nella stessa persona.

Il ‘rosa’ non è il colore della democrazia

La notizia non è che le quote rosa che si volevano introdurre nell’Italicum non sono state votate e, quindi, introdotte per legge, ma la notizia è nella conferma che il Pd non c’è; è frammentato, spezzato, sparpagliato, sparigliato, in una parola si potrebbe dire che ci sono troppi galli nel pollaio e persino le gallinelle non si mettono d’accordo su “cose di genere”.

L’articolo per intero su: http://www.nuovitalia.com/sito/component/content/article/2-primo-piano/4948-riforma-elettorale-qnoq-alle-quote-rosa.html

rosa

Perchè di Bellezza si vive

Un premio internazionale diventa motivo di incoraggiamento per una Nazione che sta attraversando un difficile momento sotto il profilo socio-politico-occupazionale. Una breve riflessione prende spunto dalle parole del regista Sorrentino: “L’Italia è pazza ma bella e vorrei che la sua pazzia fosse indirizzata verso la Bellezza, che è la sua grande risorsa”.

la-grande-bellezza-castQuesta frase sembra definire bene l’Italia di sempre, non solo quella rappresentata nel film che si rifà, comunque, a quella di oggi, perchè pazzia e bellezza, così come i rispettivi aggettivi, sono la sintesi stessa di ciò che è il Belpaese, di ciò che è ogni italiano. Nella pazzia è insito l’estro e la genialità, nella bellezza invece la ricerca della perfezione, del raggiungimento degli obiettivi che arricchiscono e rendono speciale la vita. Perchè l’italiano è soprattutto un sognatore, nella politica come nell’arte, nella quotidianità come nell’eccezionatà… CONTINUA SU:

http://www.nuovitalia.com/sito/component/content/article/2-primo-piano/4931-paolo-sorrentino-una-qbellezzaq-da-oscar.html